Il senatore berlusconiano, ex popolare ed ex Pd, è pronto a festeggiare una nuova nomina: il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi lo ha indicato come presidente dell’Autorità portuale di Napoli. Un incarico che agita la maggioranza e ha già provocato l’alzata di scudi del Partito democratico campano. La ragione è semplice: che ci fa un medico alla guida di un’authority di quel tipo? “Il porto ha bisogno di professionalità, non di scelte dettate a logiche clientelari e spartitorie. Villari non ha i requisiti di legge per ricoprire quel”incarico”, spiegano in una nota i deputati democrat eletti a Napoli. Interrogato sulla vicenda, il diretto interessatosi avvale della “facoltà di non rispondere”. Incalzato dalle domande del fattoquotidiano.it, risponde mostrando il casco del suo motorino sul quale è disegnato un dito medio. Ora la palla passa alle commissioni parlamentari competenti, in ballo ci sono centinaia di milioni di euro da gestire e una poltrona che frutterà al senatore la bellezza di 250mila euro l’anno  di Manolo Lanaro e Nello Trocchia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dimissioni, Susta (Scelta Civica): ‘Onorevoli Pdl? Cortigiani in una monarchia assoluta’

next
Articolo Successivo

La lettera di dimissioni di Renato Brunetta

next