“I rischi sistemici sono calati a livelli precedenti al 2011, ma la ripresa è solo in una fase iniziale. L’economia resta fragile. E la disoccupazione è ancora troppo alta”. Lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi che a una settimana dalle elezioni tedesche ha parlato dell’Eurozona a Berlino. “La situazione oggi sta migliorando. Il costo del denaro è ritornato, per i governi, a livelli più sostenibili. Il rifinanziamento delle banche in Paesi sotto stress è migliorato significativamente, ma ancora non riflette i costi del credito”, ha precisato sottolineando che “il livello medio del debito nell’Eurozona è ancora molto alto, a circa il 90% del Pil: gli sforzi di consolidamento devono proseguire nei prossimi anni”.

“Stabilizzare la zona euro e rafforzarla con politiche economiche sostenibili degli Stati membri, aumentando la competitività delle nostre economie e completando l’architettura istituzionale dell’Unione economica e monetaria“, è quindi il suo input. Nel frattempo “i tassi di interesse di riferimento rimarranno su livelli attuali o inferiori per un prolungato periodo di tempo” e, di conseguenza, l’orientamento di politica monetaria della Bce resterà accomodante finchè necessario.

“La chiave è perseverare sulla strada delle riforme e di prendere ispirazione dagli altri che ci stanno riuscendo”, ha poi aggiunto ricordando ai tedeschi che “all’interno dell’area euro beneficiamo tutti dalla prosperità altrui”. E ha poi precisato “non vedo la competitività come una gara tra i paesi dell’area euro con vincitori e vinti. E ci sono già alcuni segnali incoraggianti di un riequilibrio dell’area euro in termini di costi della competitività”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni in Baviera, il crollo dei liberali favorisce gli anti-euro e preoccupa Merkel

next
Articolo Successivo

Albania, Barroso: “Entro fine anno status di candidato all’adesione Ue”

next