Didattica, socializzazione, sostentamento. E poi ancora tutela del paesaggio, biodiversità, coscienza civica. Sono questi, e altri, gli ingredienti che compongono l’offerta “green” degli orti urbani di Udine.

Il progetto è divenuto realtà nel 2010, sulla base di richieste e proposte nate nei quartieri cittadini, ponendosi quindi come un’iniziativa nata “dal basso”. L’Amministrazione ha infatti ascoltato ed accolto i desideri e le esigenze della popolazione, nell’ambito del costante dialogo promosso dall’Agenda 21 Locale.

Come veri “pilastri verdi”, gli orti urbani udinesi si localizzano in posizioni strategiche, in simbiosi con i servizi esistenti: aree naturali, parchi giochi, centri scolastici, piste ciclabili, luoghi di aggregazione e identità. I cittadini partecipano sin dalla fase di progettazione e con l’organizzazione di iniziative educative, divulgative, informative: corsi, mostre, momenti formativi, ecc.

Una volta realizzati, la partecipazione si consolida con l’elezione di comitati di gestione. Ogni area adibita ad orti urbani, a Udine, è infatti autogestita con l’ausilio di un presidente ed un comitato eletti tra gli assegnatari dell’area stessa, in un costante esercizio di democrazia e responsabilizzazione.

Le aree scelte come orti urbani hanno elementi comuni: sono di proprietà comunale e servite dalle principali reti di impianti, parcheggio, trasporti pubblici e piste ciclabili e l’eliminazione di eventuali barriere architettoniche.

Oggi in città ci sono 75 orti urbani, assegnati tramite bando pubblico ai quali può partecipare chiunque sia residente in città e non possieda un terreno coltivabile. La concessione ha durata triennale, a fronte di un canone forfetario annuale per le spese di irrigazione, illuminazione e manutenzione di 48 euro (con esenzione per le fasce deboli).

Gli orti urbani consentono il recupero di aree dismesse, abbandonate o sottoutilizzate, favorendo la riqualificazione di un intero quartiere. Gli orti urbani sono uno strumento concreto per favorire la disponibilità di prodotti sani a km zero, con una significativa riduzione dell’impronta ecologica dei cittadini. Presso gli orti urbani si pratica il compostaggio dei rifiuti vegetali, nonché la raccolta differenziata di tutti i materiali. I cittadini, infine, imparano a ridurre la propria impronta ecologica con azioni quotidiane.

Udine è il comune vincitore nella categoria “Nuovi stili di vita” della settima edizione del Premio Comuni Virtuosi, la cui cerimonia di premiazione è prevista per sabato 21 settembre a Senigallia (AN), presso Palazzo del Duca alle 16.30.

Info su www.comunivirtuosi.org

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fukushima, la tragedia ambientale continua

next
Articolo Successivo

Spreco alimentare, Fao: “Gettare via il cibo costa 750 miliardi di dollari”

next