Italia sempre meno competitiva sul mercato internazionale. A dirlo è  il rapporto annuale del World Economic Forum, secondo cui al primo posto di questa speciale classifica si colloca la Svizzera. Mentre l’Italia precipita addirittura in 49esima posizione. 

Il World Economic Forum è una fondazione senza fini di lucro (con sede a Ginevra) e stila ogni anno una graduatoria dei Paesi mondiali, che tiene conto di vari fattori per giudicare complessivamente la loro competitività. E per la quinta volta di fila la “medaglia d’oro” va agli elvetici, che – spiega il rapporto – hanno “uno scenario macroeconomico fra i più stabili al mondo, mentre molti dei Paesi vicini si confrontano con delle difficoltà”; in più, possono contare su una “propensione all’innovazione” e una “rete di istituzioni” adeguata. 

Elementi che invece mancano all’Italia. Rispetto al 2012, il nostro Paese perde altri sette posti, e si trova ora in 49esima posizione. Un momento di difficoltà condiviso anche con altri Stati del Sud Europa, come Spagna (35esima), Portogallo (51esima) e Grecia (addirittura 91esima, dopo la crisi finanziaria). “Questi Paesi  – commenta il World Economic Forum – devono rimediare alla mancanza di efficacia e flessibilità dei loro mercati, devono promuovere l’innovazione e migliorare l’accesso al finanziamento al fine di aumentare la competitività nell’intera regione”.

La graduatoria, comunque, presenta delle sorprese: sul podio, insieme alla Svizzera, troviamo Singapore e Finlandia. Mentre i cosiddetti Brics sono molto indietro in classifica: il migliore di questi, la Cina, è solo 29esima, mentre Sudafrica, Brasile, India e Russia sono tutti fuori dalla ‘Top Cinquanta’. Anche loro – secondo il rapporto – devono incoraggiare i settori privato e pubblico, e mettere in atto le riforme indispensabili. Nei migliori dieci, invece, troviamo le altre grandi potenze: Germania e Stati Uniti si collocano rispettivamente quarta e quinti, mentre la Gran Bretagna è decima. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aiuti alle banche, niente limiti ai finanziamenti della Cassa Depositi per mutui

prev
Articolo Successivo

I pensierini di Confindustria e sindacati

next