Spiagge bianche, mare caraibico e divieto di balneazione. A Rosignano (Li) la multinazionale Solvay ha sbiancato il tratto costiero scaricando in mare oltre 400 tonnellate di mercurio e altri agenti chimici. L’interrogazione parlamentare non ha mai ricevuto risposta e i pesci vengono a galla tra la gente che si tuffa allegra. In un mare bello da morire.

foto Massimo Granata  Rosignano Solvay (LI)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fukushima, cresce l’allarme: “Radiazioni 36 volte superiori a soglia consentita”

next
Articolo Successivo

La confessione di un pescatore: così uccidiamo il mare

next