Luigi Lucchini ha avuto il torto di morire, due giorni fa a 94 anni, postumo di se stesso. È la sua parabola di self made man, protagonista della ricostruzione del Dopoguerra, è finita in parole d’occasione coniugate al presente, tempo a lui ormai estraneo.

Così l’Unità, che nel 1984, in pieno scontro sul taglio della scala mobile, vide un “grave attacco al Pci” nel suo insediamento alla presidenza della Confindustria , ieri ha scoperto che aveva ragione il “falco”. Secondo Massimo Mucchetti, giornalista economico oggi senatore Pd, allora “il sindacato si scandalizzò per l’arroganza padronale”, e invece “non si chiese se stesse facendo un buon uso del suo potere”.

Tocca al Corriere della Sera, di cui Lucchini è stato anche presidente, il ritratto in negativo di uno sconfitto che, all’età di anni 85, dovette vendere il suo impero siderurgico ai russi della Severstal . La “fine di un sogno” ha “reso amari quanto un veleno i suoi ultimi anni”. Ma la cosa più amara, leggiamo, fu scoprire che i “salotti buoni” di cui era stato a lungo protagonista (azionista di Mediobanca, presidente di Montedison, Comit e Rcs) al momento decisivo, nel 2004, lo avevano “lasciato solo”.

La storia di Lucchini è esemplare dell’insano rapporto tra la grande impresa delle dinastie (Agnelli, Pirelli, Pesenti…) che gestivano il potere sotto la regia di Enrico Cuccia, e le imprese emergenti dei Lucchini, degli Arvedi, dei Merloni. I primi usavano i secondi, finché servivano.

Lucchini, quando era Lucchini, raccontava con acuta ironia di quando Gianni Agnelli lo convocò a villa Frescot per affidargli la Confindustria, e lui andò un po’ emozionato, perché non conosceva l’Avvocato. Era l’Italia dei mitici anni 80. Poi smisero di usarlo, perché aveva 85 anni, e perché possedeva solo la sua esperienza e intelligenza, ma nessun pacchetto azionario strategico: a Brescia si dava credito a Romain Zaleski perché consolidasse l’azionariato di Intesa Sanpaolo, ma non al cavalier Lucchini, siderurgico.

E questo era il declino italiano. Che uomini anche saggi e lungimiranti come Lucchini non sono mai riusciti a denunciare.

 

Twitter@giorgiomeletti

il Fatto Quotidiano, 28 agosto 2013

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acqua, Parco del Pollino vendesi a rate: dopo Enel e CocaCola, arriva la San Benedetto

next
Articolo Successivo

Vive la France, il governo che osa pensare per decenni

next