Una prostituta sieropositiva continuava a lavorare sui marciapiedi di Bologna, offrendo anche rapporti sessuali non protetti dietro compenso maggiorato. Lo hanno scoperto i carabinieri di Borgo Panigale, che hanno sottoposto la giovane, una romena poco più che maggiorenne, a fermo d’indiziato di delitto per lesioni personali gravissime. La vicenda è emersa nell’ambito di un’indagine più vasta, per contrastare lo sfruttamento della prostituzione.

Da alcune testimonianze, poi confermate da riscontri sanitari, i militari hanno scoperto che la romena era consapevole di essere affetta dal virus, ma ha continuato a prostituirsi nella zona della “Pioppa” di Borgo Panigale. Avrebbe anche offerto ai suoi clienti prestazioni sessuali non protette, pretendendo in cambio più soldi. La notizia è stata diffusa in accordo con la Procura della Repubblica di Bologna, per ragioni di salute pubblica. Gli investigatori non escludono la presenza in strada di altre prostitute nelle stesse condizioni a rischio, sulle quali sono in corso ulteriori approfondimenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ravenna, la fabbrica rischia il fallimento e gli operai si offrono per comprarla

prev
Articolo Successivo

Ravenna, capitale cultura 2019: ‘Eventi provinciali e spese’. Ma la città spera ancora

next