A distanza di un mese dai violenti scontri nella banlieue di Parigi – dove centinaia di persone hanno preso d’assalto una stazione di polizia, dato fuoco a cassonetti dell’immondizia e distrutto fermate dei bus per protestare contro l’arresto di una donna che indossava il velo islamico niqab – la tensione nelle periferie francesi sta aumentando dopo la pubblicazione su youtube di un video molto esplicito “Honte a la police francaise”, cioè “Vergogna alla polizia francese”. Dalle immagini, già visualizzate da oltre 675mila utenti, si vede una donna presa ripetutamente a manganellate da un agente che, mentre lei si ribella, gli spara addosso gas lacrimogeno in pieno volto. Il video amatoriale è stato girato domenica scorsa alla periferia di Tours, nel centro del paese, dal balcone di un edificio. Secondo la ricostruzione del quotidiano La Nouvelle République, la polizia avrebbe fermato il conducente di una macchina che stava sbandando con a bordo sette persone. L’uomo si sarebbe rifiutato di sottoporsi all’alcol test e una donna, a bordo dell’auto, avrebbe cominciato a protestare cercando di rompere la radiotrasmittente dei poliziotti. “Non accetto che si parli di vergogna per la nostra polizia”, ha detto Manuel Valls, il ministro dell’Interno che ha ordinato comunque un’inchiesta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Egitto, dubbi e pensieri sulle nostre reazioni

prev
Articolo Successivo

Gb, il Tav costerà il triplo del previsto per risarcire le popolazioni ‘coinvolte’

next