Non i partiti, bensì i giornalisti devono lasciarlo pensare: approfondire, riflettere, ponderare con serenità. Giorgio Napolitano non mette nero su bianco, ma lascia trasparire il suo pensiero grazie a fonti attendibili citate dall’agenzia Ansa. All’indomani del colloquio con i capigruppo del Pdl Renato Schifani e Renato Brunetta il Quirinale se la prende con le ricostruzioni giornalistiche e in particolare su quella del Corriere della Sera. “Interpretazioni infondate e commenti intempestivi” manda a dire. Il presidente si augura, insomma, “che non si eserciti su di lui una intrusione in una fase di esame e riflessione che richiede il massimo di ponderazione e serenità”.

Il capo dello Stato sembra avercela in particolare con il Corriere della Sera che aveva provato a raccontare quanto era accaduto durante l’incontro al palazzo del Quirinale con i capigruppo del Pdl Renato Schifani e Renato Brunetta. Secondo il Corriere Napolitano aveva prospettato ai due esponenti del Pdl uno scenario secondo il quale sono poche le vie d’uscita “istituzionali” (quindi magari con un intervento diretto del presidente della Repubblica come nel caso di Alessandro Sallusti), ma più significative potrebbero essere quelle che passano da un percorso parlamentare (anche se la strada dell’amnistia è complicata visto che serve una maggioranza qualificata).

Da ambienti del Quirinale, spiega l’Ansa, si viene a sapere che “non ci sono allo stato posizioni definite, ma approfondimenti e riflessioni in corso da parte del capo dello Stato. Attribuire al presidente orientamenti, posizioni e ipotesi come quelli contenuti oggi nell’articolo sul Corriere della Sera non corrisponde in alcun modo a quanto accaduto ieri, al tenore della conversazione di ieri e allo spirito della ricerca in cui è impegnato il presidente della Repubblica. Il presidente si augura che non si eserciti su di lui, attraverso interpretazioni infondate e commenti intempestivi, una intrusione in una fase di esame e riflessione che richiede il massimo di ponderazione e serenità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo: “Napolitano è garante di un fallimento, faccia passo indietro”

prev
Articolo Successivo

Un governo della società civile

next