L’Agcom ordina alla Rai di garantire una maggiore presenza di esponenti del Pdl nei programmi «In mezz’ora» e «Che tempo che fa» previsti per il prossimo ciclo 2013-2014. L’ordine di riequilibrio arriva dal Consiglio dell’Agcom a seguito dell’esposto del capogruppo del Pdl alla Camera Renato Brunetta.

La stessa Autorità tuttavia nelle scorse settimane non ha ritenuto di intervenire in occasioni delle plateali violazioni delle regole sui processi in Tv da parte dei programmi Mediaset. Eppure quelle regole prevedono una corretta informazione e un contraddittorio.

Si vede che il tema del pluralismo vale solo a fasi alterne e comunque non quando c’è di mezzo Berlusconi.

Gli obblighi, a volte capziosi, valgono per Santoro, Travaglio, Gabanelli ed altri, mentre i diritti e le tutele sono riservati a chi in questi anni ha irriso il pluralismo. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Editoria, nonostante la crisi Roma attende il debutto di due nuovi quotidiani

prev
Articolo Successivo

Diritto d’autore online: tra il dire e il fare

next