L’Agcom ordina alla Rai di garantire una maggiore presenza di esponenti del Pdl nei programmi «In mezz’ora» e «Che tempo che fa» previsti per il prossimo ciclo 2013-2014. L’ordine di riequilibrio arriva dal Consiglio dell’Agcom a seguito dell’esposto del capogruppo del Pdl alla Camera Renato Brunetta.

La stessa Autorità tuttavia nelle scorse settimane non ha ritenuto di intervenire in occasioni delle plateali violazioni delle regole sui processi in Tv da parte dei programmi Mediaset. Eppure quelle regole prevedono una corretta informazione e un contraddittorio.

Si vede che il tema del pluralismo vale solo a fasi alterne e comunque non quando c’è di mezzo Berlusconi.

Gli obblighi, a volte capziosi, valgono per Santoro, Travaglio, Gabanelli ed altri, mentre i diritti e le tutele sono riservati a chi in questi anni ha irriso il pluralismo. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, nonostante la crisi Roma attende il debutto di due nuovi quotidiani

next
Articolo Successivo

Diritto d’autore online: tra il dire e il fare

next