Un passeggero clandestino è precipitato da un volo di Air France mentre era in quota ed è stato ritrovato morto a Niamey, la capitale del Niger. L’informazione, rivelata da BBC Africa, è stata confermata dalla compagnia aerea francese. Secondo le prime indicazioni, l’uomo si era nascosto nel vano carrelli, ma è precipitato durante il volo. 

“Secondo le prime informazioni di cui disponiamo, si tratterebbe di un passeggero clandestino che si era nascosto nell’aereo. Sarebbe caduto ieri dal vano di uno dei carrelli dell’aereo”, spiegar Christophe Paumie, portavoce di Air France. “Per il momento, non disponiamo di elementi certi. L’aereo è stato fermato a Niamey e l’indagine viene condotta dalle autorità locali”. Si tratterebbe del volo Air France AF547, che avrebbe dovuto collegare Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, a Parigi Charles-de-Gaulle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tunisia, assassinato Mohamed Brahmi, dirigente del Fronte Popolare

next
Articolo Successivo

Papa Francesco a Rio, ‘lottare contro la miseria’ e prende caffè nella favela

next