Pippo Civati la definisce “l’ultima iniziativa luterana di OccupyPd“, mentre Laura Puppato la retwitta precisando: “Siamo nel Pd per cambiare il Paese non per salvare Alfano“. I circoli democratici hanno pensato a una nuova protesta online contro le promesse non mantenute del partito e hanno deciso di esporre l’appello “Italia bene comune”, quello che “ci fecero firmare alle primarie”. L’obiettivo? Strapparlo in mezzo e scriverci sopra: “La prossima volta firmatevela voi. Mobbasta”. Una parola che diventa anche un hashtag su twitter

Su Facebook, i ragazzi di OccupyPd ricordano la lunga lista di episodi da cui sono rimasti delusi dall’inizio della nuova legislatura: “I 101 traditori – scrivono – il governissimo, la mozione Giachetti, gli F35, la sospensione dei lavori della Camera, il caso Alfano… ‪#‎mobbasta‬. Fino a che punto dobbiamo rinnegare noi stessi? Oggi molti di noi in segno di protesta appenderanno sulla porta dei propri circoli in tutta Italia questo foglio, che tutti ricordiamo con amarezza e che rileggere oggi fa solo rabbia. Noi abbiamo firmato, ma la nostra dirigenza? Fatelo anche voi, nei vostri circoli di tutta Italia, che siate iscritti delusi o elettori inferociti”.

Ci sono anche le istruzioni: “Stampate il foglio, strappatelo, appendetelo alla porta di un circolo, fotografatelo, postate la foto su questa pagina Facebook e su twitter usando l’hashtag #mobbasta e scrivendo di che circolo si tratta”. Poi promettono di continuare “a protestare, finché non ci ascolteranno. Per cambiare questo partito e poi il paese”. Posizione confermata anche da Elly Schlein, tra i volti di OccupyPd: “Noi chiediamo un cambio di passo netto al Pd, facce, metodi e contenuti diversi. Tutto da dibattere in congresso vero”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Kyenge, consigliere Sel contro ex leghista: ‘Mollatela in recinto con 20 negri’

next
Articolo Successivo

Da democrazia a diarchia, l’Italia riformata da B. e Napolitano

next