Ore otto e quaranta, la seduta del Senato parte con dieci minuti di ritardo e prima della discussione della mozione di sfiducia del ministro dell’Interno Angelino Alfano, il presidente del Senato, Piero Grasso, prende la parola per ricordare il giudice Paolo Borsellino ucciso insieme alla scorta ventuno anni fa. Tanti gli assenti alla commemorazione. Alfano arriva in ritardo, il ministro Bonino e Silvio Berlusconi arriveranno solo un’ora dopo, durante il dibattito sulla sfiducia  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No alla sfiducia ad Alfano: cittadini di sinistra, esuli in patria

next
Articolo Successivo

Alfano, Grasso richiama Morra (M5S): “Non si può nominare Napolitano”

next