Abolizione del carcere e aumento delle sanzioni pecuniarie. Dopo il deragliamento della cosiddetta “salva Sallusti, Vannino Chiti (Pd) e Maurizio Gasparri (Pdl) ripresentano al Senato un ddl bipartisan sulla diffamazione. La nuova versione della proposta di legge depositata prevede tra le altre cose una multa per il giornalista fino a 5mila euro e un risarcimento massimo al diffamato fino a 50mila euro, obbligo di rettifiche “documentate” e l’introduzione di un Giurì dell’informazione con il compito di tentare la conciliazione fra le parti. La disposizione si applica anche ai siti Internet aventi “natura editoriale”. Una definizione ampia che potrebbe anche allargarsi ai blog. “Sarà la prassi, il dibattito parlamentare e l’interpretazione della legge – spiega Maurizio Gasparri – a definire quelli di natura editoriale. Ci sono blog che possono essere considerati tali”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Blu Notte, giù le mani dal programma di Carlo Lucarelli

prev
Articolo Successivo

In edicola sul Fatto del 28 giugno: “Il prezzo della Giustizia nelle larghe intese”

next