Una donna è stata trovata morta a Bologna in un appartamento di viale Aldini, al civico 28, sui viali di circonvallazione. Il suo corpo, con una profonda ferita alla fronte, era dentro un freezer. La polizia cerca il fidanzato. Il cadavere di Silvia Caramazza, una quarantina d’anni, era in un sacco. L’elettrodomestico era chiuso e attaccato alla corrente elettrica. Il congelatore era in una delle camere dal letto della casa. Nella camera, vicino alla testata del letto e sui muri vicini, la polizia scientifica ha trovato macchie di sangue. Vicino farmaci e sonniferi. Per il resto la casa era in relativo ordine.

La donna era vestita con un abito da casa, una tuta o un pigiama. Questo fa pensare che l’aggressione possa anche essere avvenuta mentre la donna dormiva. La scomparsa era stata denunciata il 19 giugno da alcune amiche della donna, che non avrebbe parenti in città. Qualcosa, anche se in passato si era già allontanata, aveva destato questa volta l’allarme in chi la conosceva. Dopo la denuncia di scomparsa, alcune incongruenze nel racconto del fidanzato, sentito dalla polizia nei giorni scorsi, avrebbero convinto gli uomini della squadra Mobile e sfondare la porta della casa della scomparsa, trovando così il corpo.

“L’ultima volta che li avevamo visti insieme è stato non molto tempo fa”, hanno raccontato alcuni studenti universitari che abitano sullo stesso pianerottolo al piano rialzato. Secondo quanto avevano intuito gli studenti, i due convivevano, e lei, ha raccontato una ragazza, sembrava “avere un po’ la testa fra le nuvole”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stefano Borgonovo, morto l’ex calciatore simbolo della lotta alla Sla

prev
Articolo Successivo

Scandalo Ior: arrestati sacerdote, uno 007 e un broker finanziario

next