PeaceLink diffonde un nuovo spettacolare filmato girato da Luciano Manna. Il commissario straordinario dell’Ilva Enrico Bondi alle commissioni riunite Ambiente e Attività produttive ha dichiarato che per quanto riguarda i recenti picchi di polveri nel quartiere Tamburi, sopra i limiti, essi in gran parte sarebbero riconducibili alla sabbia sahariana.
Siamo andati a fare un sopralluogo per verificare la presenza di sabbia sahariana a casa della famiglia Corisi nel quartiere Tamburi, ed ecco quello che abbiamo filmato.
Appare non attendibile il commissario Bondi quando parla di un impegno economico di soli 1.800 milioni di euro sul triennio 2013-2015 per allineare l’Ilva alle prescrizioni dell’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale).
La copertura del parco minerali, da cui derivano le polveri che inquinano il quartiere Tamburi e che vedete nel filmato di Luciano Manna, da sola comporta un impegno di spesa di circa un miliardo di euro. Come fa Bondi a coprire anche i parchi minerali se con 1.800 milioni di euro deve sistemare anche tutti gli impianti dell’area a caldo?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La guerra dello shale gas

next
Articolo Successivo

Aspettando ‘la legge’

next