Sei mesi di tempo e l’Italia sarà costretta a chiedere aiuto all’Ue: lo dice il rapporto di Mediobanca Securities, anticipato dal Fatto Quotidiano in edicola oggi. Il vice-ministro dell’econpomia Stefano Fassina, a Milano per partecipare al convegno delle Acli, smonta le ipotesi accusatorie del report che mette nero su bianco le criticità del debito pubblico italiano: “Non c’è alcuno scenario emergenziale”. L’esponente Pd esclude anche quello che è uno dei fantasmi degli italiani, cioè il prelievo forzoso dai conti correnti, che il governo Amato realizzò nel ’93: “Monti non stava studiando al prelievo forzoso, e nemmeno noi lo faremo. L’Italia non ne ha bisogno”  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spending review: lavoro da orologiai, non da taglia boschi

next
Articolo Successivo

Bpm, batosta per il presidente Bonomi. E ammette: “Forse Spa era la via sbagliata”

next