Finisce contro la Spagna il sogno europeo dell’Under 21 di Devis Mangia. Nella finale del massimo torneo continentale, a Gerusalemme gli azzurrini hanno subito una vera lezione di calcio dai campioni in carica iberici, capaci di imporsi per 4 a 2 in una gara equilibrata solo a tratti. Confermato, quindi, il pronostico della vigilia, che vedeva i ragazzi di Lopetegui – imbattuti da 25 gare consecutive – come superfavoriti. Insigne e compagni ci hanno provato, sono riusciti a rimediare con uno splendido gol di Immobile (10′ del primo tempo) al vantaggio iniziale di Thiago Alcantara (colpo di testa al 6′), ma poi, dopo aver sprecato una clamorosa occasione con Florenzi, sono stati costretti a cedere sotto i colpi di una nazionale iberica dal gioco spumeggiante. Il baby fuoriclasse del Barcellona, poi, ha confermato di essere un campione di livello assoluto. Suo il raddoppio al 31′ (errore difensivo e intervento non perfettto di Bardi), suo il terzo gol su rigore al 38′: per Thiago, quindi, triplice firma e palma di miglior giocatore della finalissima, se non del torneo. Nella ripresa, l’Italia ha provato ha riequilibrare il match, ma al 21′ ha incassato la quarta rete iberica a firma di Isco su rigore. Buono solo per il tabellino il gol di Fabio Borini al 34′. Un sogno finito, quindi, per una nazionale che ha dimostrato di avere qualità e margini di miglioramento ancora impossibili da quantificare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calcio, follia dei tifosi del Lecce: la squadra perde la B, i teppisti si scatenano

prev
Articolo Successivo

Confederation Cup, Blatter: “Chi protesta non deve strumentalizzare il calcio”

next