Sbarco di migranti la scorsa notte a Roccella Jonica. Sono arrivati in 160, a bordo di un vecchio barcone malandato giunto a poche decine di metri dal porto. L’imbarcazione, dopo l’avvistamento, è stata intercettata e presa in consegna da un’unità della Guardia costiera per evitare che potesse finire contro la barriera frangiflutti posta all’ingresso del porto. I migranti sono in gran parte uomini adulti, insieme a una quindicina tra donne e bambini. Sono siriani, afghani, egiziani e pachistani. Erano partiti alcuni giorni fa, secondo quanto hanno raccontato ai poliziotti, ai carabinieri ed ai finanzieri giunti sul posto, da una località della Turchia. Gli immigrati sono stati ospitati temporaneamente in una struttura messa a disposizione dal Comune di Roccella Jonica. Le buone condizioni meteorologiche di questi giorni, sottolineano alla Guardia Costiera, favoriscono i viaggi di immigrati verso le coste italiane e la Centrale Operativa di Roma sta monitorando attraverso le strumentazioni a disposizione la presenza di altre eventuali imbarcazioni dirette verso le acque nazionali.

Nel gruppo di migranti c’è anche una neonata di pochi giorni, data alla luce durante il viaggio. La piccola è stata ricoverata insieme alla madre nell’ospedale di Locri. Sia la neonata che la puerpera, comunque, sono in buone condizioni. Il nome della bambina è Nojian, che significa “nuova vita”. Tanta l’emozione tra i militari della Guardia Costiera, intervenuti per garantire la sicurezza durante le operazioni di attracco e di sbarco, quando hanno accolto la neonata, partorita durante la traversata. Madre e figlia sono state prontamente accudite e affidate al personale del 118 per la necessaria assistenza. In totale 14 le donne e 8 i bambini tra le persone sbarcate, di varia nazionalità (afgana siriana e curda) che hanno dichiarato di aver navigato per sette giorni. Per almeno quattro di loro si è reso necessario il ricorso alle cure ospedaliere a causa della disidratazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Acqua pubblica: la tariffa sociale Acea c’è, ma per usufruirne è corsa a ostacoli

prev
Articolo Successivo

Snowden: eroe o traditore?

next