“Veniamo da cinque anni di disastri, in cui Alemanno ha scaricato sugli altri tutte le sue responsabilità. Dobbiamo cambiare tutto: vogliamo indietro la nostra Roma“. Con queste parole Ignazio Marino, candidato del centrosinistra al Campidoglio, ha chiuso la sua campagna elettorale nella cornice di piazza Farnese. Sul palco, insieme al chirurgo, sono saliti alcuni amministratori volti vincenti del centrosinistra a livello locale: Nicola Zingaretti, Giuliano Pisapia, Massimo Zedda e Debora Serracchiani. Ci sarebbe dovuto essere, a sorpresa, anche Stefano Rodotà, che non è riuscito a raggiungere Roma in tempo. Marino lo ha ringraziato per l’appoggio, definendolo “un caro amico e un punto di riferimento”  di Tommaso Rodano

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma 2013, Alemanno a una piazza vuota: “Con Marino matrimoni gay e illegalità”

next
Articolo Successivo

Ballottaggio Roma 2013, Marino: “Rimonta Alemanno? Ho fiducia nella democrazia”

next