Il clima di veleni in casa Lega si è placato per alcune ore. Ieri sera all’Auditorium di Treviso sono arrivati il segretario nazionale Roberto Maroni, il sindaco di Verona Flavio Tosi, suo alleato, e il governatore del Veneto Luca Zaia per sostenere il candidato Giancarlo Gentilini, in corsa per la fascia tricolore contro lo sfidante in vantaggio di centrosinistra Giovanni Manildo. “Adesso bisogna cambiare marcia, dobbiamo smettere di farci del male da soli”, ha ammonito dal palco Maroni. Dello stesso avviso anche Zaia: “Il leghismo sopravvive a tutto”. Mentre Tosi si è messo il cuore in pace: “Le beghe interne sono stupidaggini e prima o poi passano”. Quattro amici, per una notte, a Treviso  di Chiara Daina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo a Pomezia: “Rodotà uomo di apparato”. E fa salire contestatore sul palco

next
Articolo Successivo

Roma 2013, Alemanno a una piazza vuota: “Con Marino matrimoni gay e illegalità”

next