Beppe Grillo ha chiuso la sua campagna elettorale per le amministrative a Torvaianica, con un comizio a sostegno del candidato sindaco dei 5 stelle di Pomezia. “Oggi ci hanno ceduto una piccola carica – ha detto Grillo, riferendosi alla nomina del deputato Raffaele Fico alla presidenza della Commissione di vigilanza Rai – ma si sono tenuti la più importante, la Giunta per le elezioni, e l’hanno data alla Lega (in realtà è finita a Sel, ndr). Adesso nessuno potrà giudicare Berlusconi”. L’intervento di Grillo è stato interrotto da una dozzina di giovani che lo hanno contestato sotto il palco. Il leader del M5s ha ceduto il microfono a uno di loro, che ha criticato il comico genovese per “aver permesso la costruzione di 9 mila metri quadri di cemento a Parma” e per i guadagni del blog (“dieci milioni di euro”). Tra il contestatore e alcuni manifestanti 5 stelle ci sono stati insulti e spintoni, prima che lo stesso Grillo intervenisse per sedare l’accenno di rissa. A margine del comizio, il comico genovese è tornato a parlare di Stefano Rodotà, rispondendo a un militante: “E’ sempre stato un uomo di apparato. Ma era il meno peggio”. Sull’assenza del capogruppo Vito Crimi alla votazione per la presidenza della Giunta per le elezioni, che ha fatto andare su tutte le furie il senatore del M5s Mario Giarrusso, Grillo ha commentato con una battuta: “Credo sia arrivato in ritardo. Che notizia straordinaria… ci ha fatto il titolo il New York Times” di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “No a un sindaco che non è di Roma”. Ma Alemanno è barese

prev
Articolo Successivo

Lega, Maroni a Treviso per Gentilini: “Smettiamola di farci del male da soli”

next