E’ stato raggiunto l’accordo tra Alitalia e sindacati per 2.200 contratti di solidarietà per il personale di terra. L’accordo, della durata di due anni, prevede una riduzione di cinque giorni lavorativi al mese e di 50-60 euro in meno in media al mese in busta paga.  L’80% della retribuzione relativa ai giorni non lavorati sarà coperta dall’Inps e anticipata in busta paga da Alitalia. I contratti, che secondo l’azienda sono stati resi “necessari dal momento di grande difficoltà dovuto alla crisi macroeconomica e del settore del trasporto aereo”, scatteranno già lunedì 10 giugno per 1.800 dipendenti del personale non operativo. Gli altri 400, su un bacino di 600, andranno individuati in tutte le aree operative entro un mese.

”Credo che questo accordo possa essere l’avvio di una stagione di grande collaborazione”, ha commentato l’amministratore delegato di Alitalia, Gabriele Del Torchio, dopo la firma. “Credo sia stato fatto un ottimo lavoro di tutti, sono soddisfatto, tutti abbiamo rinunciato a qualcosa nell’interesse di tutti gli uomini e le donne che lavorano in azienda. Ho apprezzato molto il senso di responsabilità delle organizzazioni sindacali”, ha poi detto aggiungendo che “abbiamo una storia gloriosa, costellata da qualche inconveniente però davanti abbiamo un futuro che possiamo costruire solo insieme”.

L’accordo include un impegno per la riduzione del 20% degli emolumenti del presidente e di tutto il cda, incluso l’ad e del 10% per i dirigenti. Secondo le dichiarazioni ufficiali dell’azienda, l’intesa consentirà di “mantenere inalterati i livelli occupazionali”. Nel corso dell’incontro si è affrontato anche l’argomento Piano Industriale che è in preparazione per fine mese e che verrà presentato ufficialmente il 27 giugno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Imprenditoria in crisi, insieme possiamo fare qualcosa

prev
Articolo Successivo

Giovani Confindustria: “Senza prospettive future, rivolta unica prospettiva”

next