Andare su Marte equivale più omeno a sottoporsi a una tac alla settimana: il rischio radiazioni a cui potrebbe essere esposto l’equipaggio di un veicolo spaziale diretto su Marte è stato calcolato per la prima volta grazie alle misurazioni effettuate durante la missione Mars Science Laboratory (Msl), che lo scorso anno ha portato il robot Curiosity della Nasa su Marte.

Le rilevazioni sono state fatte grazie allo strumento Radiation Assessment Detector (Rad) durante il lungo viaggio per Marte, ben 560 milioni di chilometri percorsi in 253 giorni. Si tratta della prima misurazione realistica delle radiazioni, perché è stata effettuata a bordo di un veicolo spaziale opportunamente schermato, con uno ‘scudo’ molto simile a quello che potrebbe essere impiegato per la prima missione umana su Marte.

“In termini di dose accumulata, è come sottoporsi ad una tac completa di tutto il corpo ogni 5-6 giorni”, spiega il coordinatore dello studio Cary Zeitlin, che lavora presso il Southwest Research Institute. “Si tratta di un’esposizione al limite – aggiunge – o addirittura poco al di sopra rispetto al valore di esposizione considerato accettabile per l’intera carriera di un astronauta dalla Nasa e dalle altre agenzie spaziali”. Sono due i rischi principali per la salute: l’esposizione cronica a basse dosi di raggi cosmici galattici (Gcr), e l’esposizione a breve termine alle particelle energetiche solari (Sep) emesse durante le eruzioni solari e l’espulsione di materia dalla corona solare (Cme).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Stamina: la sperimentazione non si limiti a liquidare la teoria

prev
Articolo Successivo

Hiv, svelati i segreti del capside. Sarà più facile mettere a punto nuovi farmaci

next