Curiosity ha raggiunto la superficie di Marte alle 7.31 ore italiane. La conferma è arrivata dai dati inviati dalla sonda Mars Odyssey che ha seguito tutta la fase di atterraggio di Curiosity, la sonda della Nasa progettata per andare a caccia delle tracce di vita su Marte. Sono peraltro arrivate già le prime immagini. Il presidente americano Barack Obama ha definito l’arrivo della Curiosity su Marte “un exploit tecnologico senza precedenti”. Gli Stati Uniti, ha aggiunto,“hanno fatto la storia”. “L’atterraggio con successo di Curiosity, il più perfezionato laboratorio mobile a posarsi su un altro pianeta – ha detto Obama in un comunicato -, costituisce un exploit tecnologico senza precedenti che resterà come una pietra miliare della fierezza nazionale nel futuro”.

“Questo prova – prosegue Obama – che anche le cose più difficili non resistono alla nostra volontà e al nostro ingegno”, ha commentato il presidente americano aggiungendo: “E il successo di questa notte ci ricorda che la nostra supremazia, non soltanto nello spazio ma anche sulla Terra, dipende dalla nostra capacità di continuare ad investire con intelligenza nell’innovazione, nella tecnologia e nella ricerca fondamentale, cosa che ha sempre fatto sì che il mondo invidi la nostra economia”.

Un’esplosione di gioia ha accompagnato l’arrivo della sonda sul pianeta rosso: l’atterraggio del rover su Marte è stato infatti seguito con grande apprensione, oltre che dai tecnici collegati, anche da milioni di persone attraverso la diretta web, i social network e un maxi schermo allestito a Times Sqare, nel cuore di New York. Pochi minuti dopo il suo “ammaraggio” Curiosity ha invitato a Terra la sua prima immagine: un autoscatto in cui è visibile una ruota del rover poggiata sulla superficie rossa del cratere di Gale. Come dimostrato da questo grande entusiasmo, le attenzioni per questa missione dedicata a ricercare eventuali tracce di vita nel passato di Marte sono state seconde solamente all’arrivo del primo uomo sulla Luna.

L’ambiziosa missione di Curiosity, il più grande e “intelligente” rover-laboratorio mai inviato sul pianeta rosso, ha così superato il suo più grande ostacolo; una complessa manovra di atterraggio completamente automatizzato durato circa 420 secondi, sette minuti definiti di “terrore”. Grande come un’automobile e pesante una tonnellata, Curiosity è stato, dopo numerose e rapide manovre posato delicatamente sul terreno.

La missione del rover della Nasa realizzato nell’ambito della missione Mars Science Laboratory, durerà per circa due anni e ha portato sul pianeta rosso anche un “pezzo” di Italia: un chip che contiene l’autoritratto di Leonardo Da Vinci e il Codice del Volo, il testo nel quale Leonardo descrive il volo degli uccelli e la sua Macchina volante, considerato il fondamento della storia del volo. L’iniziativa si deve all’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), al Tg della Rai Leonardo e della sua conduttrice Silvia Rosa Brusin, e al Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa.