Intervista in esclusiva di Sandro Ruotolo ad Agnese Borsellino. La moglie del magistrato ucciso dalla mafia rivela: “Paolo sapeva che stava per essere ucciso. E andò incontro al suo destino. Era convinto che la sua morte avrebbe scosso tutte le coscienze”. E sottolinea il fatto che era sicuro di essere assassinato, ma precisa: “La strage di via D’Amelio fu anomala. Spero ancora che ci possano essere persone che si redimono e che dicano stracci di verità”. A registratore spento, Agnese Borsellino svela a Ruotolo che, il giorno successivo alla morte di Paolo Borsellino, i figli si recarono nel suo ufficio per prendere i suoi effetti personali e scoprirono che tutti i cassetti erano stati svuotati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Veltroni: “La mafia ha sempre avuto rapporti con lo Stato e con la Dc”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Travaglio “Tono ricattatorio di Mancino con D’Ambrosio”

next