Mi sono sempre domandato per quale motivo il popolo di Comunione e Liberazione si sia ripetutamente spellato le mani, al Meeting di Rimini, nell’atto di applaudire Giulio Andreotti.
Esistono diverse possibilità, a ben vedere.
Ad esempio perché Andreotti andava a messa tutte le mattine alle sette e per di più, pare, ci andava a piedi? Forse perché elargiva piccole prebende a poveracci (e forse anche a qualcuno meno poveraccio) che la domenica mattina a casa sua passavano a battere cassa, e questo atto poteva piacere ai piissimi ciellini? Bah.
Oltretutto Andreotti era stato l’anello conclamato con gli Stati Uniti e con la loro influenza (influenza…) sulle cose di casa nostra; e Giussani invece non perdeva l’occasione di dire (che poi lo pensasse davvero viste le recenti rivelazioni sulla provenienza dei fondi che diedero modo a CL di nascere e crescere dotandosi di strumenti come la casa editrice Jaca Book. è tutto da dimostrare) che il maggior merito dell’America (e del suo approccio all’esistenza modello Happy Days) era quello di frapporsi fra noi e il comunismo sovietico.
Certo CL e Andreotti avevano una comune origine firmata Cia; ma riflettendoci bene fra i due soggetti c’era anche qualcosa in più. Un comune modo di sentire potrei dire. Anzi: è possibile che l’uno (Andreotti) abbia anche fatto da maestro a Giussani e ai suoi. In cosa? Semplice: in quello stile inconfondibile di utilizzare ogni possibile alleanza, ogni contatto, ogni canale (la parola d’ordine era: incontriamo l’umano) per raggiungere i propri obiettivi. Al di là delle barricate di facciata esisteva una corrente di pensiero dentro Cl (molto andreottiana, per l’appunto) che non disdegnava la trattativa con chiunque: basta che fosse utile a garantire visibilità o a raggiungere qualche obiettivo. Per lo più economico ma non solo.
Aiutati che Dio t’aiuta e Andreotti pure. E il divo Giulio mi sa che il progetto di Giussani l’ha aiutato molto. Quanto l’abbia supportato  sta scritto in uno dei faldoni dell’archivio di Piazza di San Lorenzo in Lucina o giù di lì.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi condannato, Pdl in piazza a Brescia. E forse anche lunedì a Milano

next
Articolo Successivo

Pd, D’Alema: “Nessuna guerra con Bersani”. E Marino: “Serve una guida”

next