Elisabetta Tripodi, sindaco di Rosarno, racconta l’impotenza davanti ai tanti lavoratori che tutti i giorni vanno da lei a chiedere lavoro. La prima cittadina lamenta anche un massacro dei media nei confronti del paese calabrese. E annuncia che i genitori di Luigi Preiti chiedono scusa al Paese

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Travaglio: “Butto la bomba?”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Enrico Letta a Bruxelles

next