Francesco Boccia esce soddisfatto dalla riunione alla Camera del gruppo del Pd: “Il partito è compatto e non ci saranno nè astensioni, nè voti contrari. Ci staimo assumendo una grande responsabilità e il prossimo maggio alle amministrative vedremo se i cittadini premieranno le nostre scelte”. Per Ivan Scalfarotto e Marianna Madìa “è responsabilità del M5S se siamo arrivati ad un governo Pd-PdL”. Giuseppe Civati, uscendo dalla riunione dei democratici annuncia che uscirà dall’Aula non partecipando al voto. Non credo di rischiare l’espulsione”. Chi seguirà la sua scelta all’interno del Pd? “Credo nessuno, ma non è per me un problema”, risponde Civati  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Borghezio: “La Kyenge? Una scelta del cazzo, ha la faccia da casalinga”

next
Articolo Successivo

Ecco il governo X Factor. L’inciucio diventa talent show

next