Lo Stato, visti i danni che l’elettorato italiano causa al Paese, incentiva sempre più l’astensionismo, che è l’unica speranza di salvezza dal baratro in cui la democrazia ci sta trascinando. Così, per scoraggiare ulteriormente l’elettore italiano, si sta seriamente valutando l’ipotesi di andare a elezioni a luglio.

Votare d’estate, in Italia, è la più grande operazione di boicottaggio elettorale che sia mai stata realizzata: in quel periodo gli organi d’informazione saranno troppo occupati a parlare dell’ennesima emergenza caldo per occuparsi anche della campagna elettorale in corso.

Ma soprattutto, quale italiano rinuncerebbe ad una domenica al mare per andare a votare in seggi senza aria condizionata?

In caso di elezioni a luglio, il dato sull’astensionismo sarà più alto del tasso d’umidità; questo porterà ad un Parlamento dove la maggioranza sarà eletta da italiani all’estero, e dove il primo partito sarà il Sudtiroler Volkspartei. Da queste elezioni uscirebbe un governo scarsamente rappresentativo del Paese, quindi più presentabile e competente.

Ecco perché è meglio non aspettare settembre per andare a votare: ai primi freddi gli italiani si richiudono un’altra volta dentro le cabine elettorali a votare Berlusconi o Grillo (Bersani, quello no, non c’è più il rischio che lo voti nessuno).

Il Misfatto, 21 aprile 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Zingarelli, il termine ‘bersani’ entra nel nuovo dizionario

prev
Articolo Successivo

Datemi un martello

next