Lo Stato, visti i danni che l’elettorato italiano causa al Paese, incentiva sempre più l’astensionismo, che è l’unica speranza di salvezza dal baratro in cui la democrazia ci sta trascinando. Così, per scoraggiare ulteriormente l’elettore italiano, si sta seriamente valutando l’ipotesi di andare a elezioni a luglio.

Votare d’estate, in Italia, è la più grande operazione di boicottaggio elettorale che sia mai stata realizzata: in quel periodo gli organi d’informazione saranno troppo occupati a parlare dell’ennesima emergenza caldo per occuparsi anche della campagna elettorale in corso.

Ma soprattutto, quale italiano rinuncerebbe ad una domenica al mare per andare a votare in seggi senza aria condizionata?

In caso di elezioni a luglio, il dato sull’astensionismo sarà più alto del tasso d’umidità; questo porterà ad un Parlamento dove la maggioranza sarà eletta da italiani all’estero, e dove il primo partito sarà il Sudtiroler Volkspartei. Da queste elezioni uscirebbe un governo scarsamente rappresentativo del Paese, quindi più presentabile e competente.

Ecco perché è meglio non aspettare settembre per andare a votare: ai primi freddi gli italiani si richiudono un’altra volta dentro le cabine elettorali a votare Berlusconi o Grillo (Bersani, quello no, non c’è più il rischio che lo voti nessuno).

Il Misfatto, 21 aprile 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zingarelli, il termine ‘bersani’ entra nel nuovo dizionario

next
Articolo Successivo

Datemi un martello

next