Un’ora di ritardo per il comizio di Silvio Berlusconi a Udine, dove il Cavaliere è arrivato poco prima delle sette di sera per parlare a sostegno del candidato di centrodestra alla presidenza del Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo, in vista delle elezioni regionali di domenica e lunedì prossimi. Oltre ai vertici del partito regionale e gli altri candidati locali del centrodestra, c’erano – secondo gli organizzatori – circa 3mila persone in una piazza piena di bandiere del Popolo della Libertà. Ma anche un nutrito gruppo di contestatori che ha accolto il Cavaliere al grido di “Grillo, Grillo” e “In galera”. L’ex premier ha risposto a modo suo: “In 20 anni noi non abbiamo mai interrotto la manifestazione di nessuno”. “Siete invidiosi – ha aggiunto – e dovreste tutti guardarvi allo specchio. E poi noi siamo anche più belli – ha proseguito – perché qui sotto il palco ci sono decine di belle ragazze”. L’ex premier si è scusato per il ritardo, dando la colpa alle trattative sul Quirinale. “Abbiamo lasciato trattare Angelino Alfano – ha proseguito Berlusconi mentre una parte della piazza continuava a contestarlo – per cercare di tenere fede al nostro impegno per Marini”.

Lasciati a Roma i panni dell’accordo, per ora senza esito, sulla presidenza della Repubblica e il tentativo di recuperare il rapporto con Casini – di oggi un incontro “cordiale” tra i due – Berlusconi si è dedicato alla campagna elettorale. “Se continua questo stallo è meglio andare al voto a giugno”, ha detto in apertura del comizio. Da un lato Berlusconi ha invitato il popolo del centrodestra a combattere contro l’astensionismo. “Gli altri hanno un elettorato più irrigimentato. Per questo è necessario mobilitarci e combattere l’astensionismo”, ha detto. Dall’altro ha cercato di galvanizzare la piazza, citando gli ormai famigerati sondaggi. “Il Pdl è ritornato ad essere il primo partito in Italia”, ha detto, aggiungendo che “i sondaggi sono molto positivi con cinque punti in più rispetto a due mesi fa. Siamo saliti – ha detto – dal 21 al 26%”. In questo modo, secondo l’ex presidente del Consiglio, il centrodestra sarebbe oggi in vantaggio di quattro punti sul centrosinistra.

Poi i colpi contro gli avversari: “Ai 171 mila elettori friulani e giuliani che a febbraio hanno votato per il Movimento 5 Stelle chiedo se hanno finalmente capito se i grillini eletti al Parlamento sono veri e propri dilettanti allo sbaraglio”, ha detto Berlusconi. “Rivolgo un appello ai friulani e ai giuliani che hanno votato a febbraio non per un ex comico ma per un comico, Grillo, che – ha aggiunto Berlusconi – ieri mi ha onorato dell’appellativo di ‘salma’. Credo però – ha concluso – che ora questi elettori sappiano in che mani hanno messo il loro voto e chiedo loro di pensarci domenica prossima”.

E via con la lista di appelli: “Ai 10mila friulani e giuliani che hanno votato per la lista di Oscar Giannino – ha detto Berlusconi – dico che dopo aver constatato che il loro voto è andato disperso, possono contare sul fatto che possiamo essere noi a rappresentarli in Parlamento, data la nostra comune impostazione liberale”. E ancora agli “82.600 friulani e giuliani” che hanno votato per Monti, per Fini e per Casini: “Con quei voti avremmo oggi la maggioranza alla Camera e al Senato e avremmo eletto uno dei nostri alla presidenza della Repubblica, inoltre – ha aggiunto – avremmo dato all’Italia un governo liberale ed efficiente. Qui in Friuli – ha aggiunto – l’Udc ha già scelto di stare con noi e dunque agli elettori di Casini, Fini e Monti – ha concluso – dico che dobbiamo stare insieme se non vogliamo favorire la sinistra. Domenica votate per il Pdl e per Renzo Tondo governatore del Friuli Venezia Giulia”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Appello alla sinistra: una nuova forza politica per chi oggi straccia la tessera del Pd

next
Articolo Successivo

Quirinale 2013, Visti dagli Altri – A monte l’inciucio, ora un Presidente ‘forte e credibile’

next