I parlamentari del Movimento 5 Stelle rinviano la rendicondazione delle spese. Rimane confermato il dimezzamento dell’indennità parlamentare, che per deputati e senatori grillini sarà di 5mila euro lordi al mese. Ma per quanto riguarda la diaria e le spese di esercizio del mandato, ha spiegato Vito Crimi in conferenza stampa, “abbiamo deciso di rimandare la rendicontazione a quando avremo in mano le prime buste paga”.

La dichiarazione di Crimi è arrivata dopo le polemiche scaturite in seguito a un articolo di Repubblica, che accusava il Movimento 5 Stelle di voler fare marcia indietro sulla diaria. Secondo il quotidiano, all’interno del movimento sta per passare la linea che 5mila euro lordi, circa 2.500 netti, sono pochi e quindi sarebbe bene consentire ai parlamentari di tenersi tutta la diaria di 3.500 euro al mese a titolo di rimborso delle spese a Roma, senza mostrare le ricevute delle spese effettivamente sostenute.

Contro l’articolo, che titolava “La retromarcia dei grillini: non bastano 2.500 euro. E Beppe: vanno bene 6mila”, ha preso posizione questa mattina il blog di Beppe Grillo, dove in un post si legge che “ogni candidato del Movimento 5 Stelle si è impegnato a rispettare il codice di comportamento che prevede 5.000 euro lordi per l’indennità parlamentare percepita. Il codice non è stato oggetto di discussione, dibattito o revisioni”

Il codice del Movimento 5 Stelle prevede, che oltre all’indennità parlamentare, i parlamentari del M5S avranno diritto “a ogni altra voce di rimborso tra cui diaria a titolo di rimborso delle spese a Roma, rimborso delle spese per l’esercizio del mandato, benefit per le spese di trasporto e di viaggio, somma forfettaria annua per spese telefoniche e trattamento pensionistico con sistema di calcolo contributivo”. E prorpio riguardo a diaria e spese di esercizio di mandato Crimi ha oggi annunciato un rinvio della rendicontazione finché non arriveranno i primi emolumenti. ”Fin dall’inizio – ha aggiunto – avevamo intenzione di pubblicare le nostre buste paga per dimostrare la nostra volontà di trasparenza: vogliamo che si possano anche vedere i bonifici verso il fondo a cui intendiamo destinare le eccedenze”. Nel corso della stessa conferenza stampa la capogruppo alla Camera Roberta Lombardi ha ricordato che l’M5S presenterà una proposta per accorpare voci di spesa e introdurre l’obbligo di rendicontazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Berlusconi torna alla carica: “Bersani disposto a un incontro”

next
Articolo Successivo

Il Movimento 5 Stelle deposita tre proposte di legge su omofobia e coppie di fatto

next