Giancarlo Giorgetti segretario della Lega lombarda dal 2002, fra i dieci saggi del Paese. Un incarico “eccessivo ed improprio” secondo l’ex parlamentare Marco Reguzzoni già baluardo del fantomatico “cerchio magico”, che ieri è risorto dal silenzio tombale attaccando il collega di partito Giorgetti: “Una nomina che lo stesso Bossi non avrebbe mai condiviso se fosse ancora alla guida della Lega” ha poi  proseguito Reguzzoni. 

Da ricordare che solo nel giugno 2012 lo stesso Giorgetti, aprendo il congresso delle Lega Lombarda aveva esordito dicendo: “Lesperienza di governo a vari livelli non ha prodotto i risultati che ci aspettavamo ma soprattutto ha cambiato i leghisti”.

Come ad auspicare un ritorno alle origini per il partito, magari anche e proprio lontano dai palazzi del potere. Detto, fatto. Giorgetti non ha saputo dire di no. Stringe la mano a Napolitano tra i sei saggi che si occuperanno anche delle questioni “sociali”. Come a dire: il partito giusto per il giusto incarico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regione Lazio, da manager ad assessore: “Nessun conflitto d’interessi”

next
Articolo Successivo

Luis Durnwalder: Presidente? No, quasi monarca

next