Ogni volta che vedevo una pala eolica mi chiedevo di chi fosse. Il vento, come il sole, è un elemento naturale. Se l’acqua è un bene comune, perché il vento non lo è?

Il sole riscalda me come te, e dunque è mio ed è tuo. Invece le energie rinnovabili il cui fatturato fino al 2020 è stimato intorno agli 80 miliardi di euro è divenuto un business per pochi. Lo stato ha lasciato depredare e ha obbligato i cittadini a una tassa supplementare perché alcuni si arricchissero.

“…E’ una foresta di pale. Dovunque ne trovi, che ti afferrano l’occhio e lo gonfiano di pensieri. Dietro di te c’è una pala, davanti a te c’è una pala. Ti giri e quelle ti seguono. Negli anni anche le procure della Repubblica si sono incuriosite di queste foreste. E le carte hanno presto iniziato a circolare tra gli uffici calabresi come un pendolo impazzito. Dalla procura di Catanzaro a quella di Paola, da Paola a Cosenza. Da Cosenza ancora a Catanzaro. Perquisizioni e intercettazioni, qualche arresto, qualche annuncio di arresto. Sotto la lente d’ingrandimento le attività degli assessori regionali, le mani leste dei mitici sviluppatori, la connivenza, vera o presunta, dei dirigenti del settore delle Attività produttive…. Quando la deregulation si sposa con i soldi facili,nasce l’inquinamento morale: un brodo primordiale dove si sviluppa tanto l’interesse quanto il conflitto di interessi. Il geometra dell’ufficio tecnico comunale contro il vigile urbano che ha terreni opzionati. Tifoserie di consiglieri per l’uno o per l’altro progetto. L’equilibrio democratico di piccole comunità improvvisamente alterato dal luccichio dell’Eldorado.”

“Pensai alla parola parco. Anche l’uso di questa parola è l’emblema di una sconfitta culturale legata all’era dell’immagine che può trasformare una centrale elttrica in un elemento fiabesco. Questi “parchi” finti finiscono per cannibalizzare i parchi veri, cioè le aree protette, con i vincoli urbanistici abortiti o rimossi per fare spazio ai nuovi “parchi”. Lo stile è quello collaudato della speculazione edilizia, ma cambia lo strumento, ora incontestabile.”

(Brano tratto da Controvento di A. Caporale, Mondadori 2011)

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debiti della Pubblica amministrazione, il diavolo sta nei dettagli

prev
Articolo Successivo

Diritto alla salute, l’ibrido italiano è incostituzionale

next