Nei prossimi mesi al Comune di Torino verranno sbloccati 5 milioni di euro da destinare ai nomadi. Immediata la risposta della Lega Nord, per bocca del capogruppo in consiglio regionale: “Affittiamo dei treni e rimandiamoli a casa”. I nomadi che vivono nei campi nelle periferie della città sono 5mila. Le condizioni igienico-sanitarie sono simili a quelle dei campi profughi mediorientali: niente acqua corrente, né elettricità, né fogne. Nel solo campo di Lungo Stura, irregolare secondo il Comune, ma nel quale vivono quasi 1000 persone, questo inverno sono scoppiati tre incendi, dovuti alle stufe a legna accese giorno e notte. I minori sono una buona fetta della popolazione dei campi, in molti frequentano le scuole del quartiere anche se con grandi difficoltà, come spiega uno dei padri: “Non c’è acqua e i bambini sono troppo sporchi per andare in classe”  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, legalizzare i matrimoni gay? Le multinazionali si battono per il sì

next
Articolo Successivo

“Carcere disumano”, detenuto per mafia chiede di uscire. Decide la Consulta

next