Ha parlato di giovani, speranze e futuro Matteo Renzi. Ma lo ha fatto da una location insolita, uno studio televisivo. Il sindaco di Firenze è infatti l’ospite d’onore della prima puntata, già registrata, del talent show Amici di Maria De Filippi che andrà in onda il 6 aprile.

Introdotto dalla conduttrice con la frase “non fatevi rubare la speranza”, rivolta ai giovani da Papa Francesco, l’ex rottamatore del Pd si è rivolto direttamente ai concorrenti del programma: “Quando è uscita la notizia che c’era un politico che andava ad Amici, i politici un po’ meno felici hanno detto: ma come si fa ad andare a un talent show? Perdonateli se fanno polemiche sui talent show, ma non perdonate quei politici che vogliono cancellare il talento”.

Accolto come una star, il sindaco di Firenze si è rivolto ai giovani spiegando che “avremo speranza se nel futuro di questo Paese potremo riuscire a coltivare i nostri sogni. E se c’è una cosa che noi ci aspettiamo da voi è di non fare come è stato fatto fino ad oggi che troppo spesso si trovava lavoro non per il talento ma perché si conosceva qualcuno, per le raccomandazioni”.

E ha concluso: “A me piace l’idea che voi ragazzi, siete arrivati qui non semplicemente perché siete bravi ma perché avete fatto fatica, perché il talento è anche fatica non è soltanto avere una possibilità, è anche mettersi in gioco”. “Voi – ha detto infine Renzi – dateci una mano a dimostrare che credendo e insistendo nei propri sogni uno ce la può fare. Lo dovete a quei ragazzi, a quei tre milioni di persone (il riferimento è ai disoccupati in Italia, ndr) che il loro sogno lo vedono lontano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo governo: lo stallo conviene a tutti, anche a Grillo

next
Articolo Successivo

Napolitano sceglie 10 saggi per riformare il Paese, ma vince la vecchia politica

next