Stefano Disegni racconta il primo impatto di Antonio Ingroia in val d’Aosta, regione che secondo il Csm è l’unica idonea a ospitarlo per un ritorno all’attività di magistrato (perché è l’unica in cui non si era candidato). Scambia un camoscio per una mucca, si sorprende nel vedere una stella alpina (ma vorrebbe trovare anche i fichi d’India) e, preso dallo sconforto, ripercorre le tappe dell’avventura politica che ha finito per “condannarlo” a lavorare tra le valli…

GUARDA LA STRISCIA COMPLETA DI STEFANO DISEGNI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monito ergo sum

next
Articolo Successivo

Diplomatici: uomini o pastarelle?

next