Twitter cinguetta da via dell’Olgettina. E’ Iris Berardi, teste chiave del processo Bunga Bunga, residente al sesto piano del residence milanese, a spedire tweet a più non posso dal suo account ad ogni ora del giorno e della notte con un destinatario ben preciso: papi Silvio Berlusconi.

Tra una foto e l’altra con il suo cane rottweiler la ragazza, nata in Brasile e cresciuta a Forlì prima di trasferirsi a Milano, sembra essere sul punto di esplodere, parafrasando maldestramente il film Blade Runner:  “Ho visto cose che voi uomini non potete nemmeno immaginare”.

Il tweet è del 2 di marzo e fa seguito ad altri messaggini lasciati sul sociale network durante quella giornata. Il primo, corretto da mille errori grammaticali e rigorosamente in stampatello, dice: “sento già la terra che sta x tremare iris sta per arrivare finalmenteeeeeeeeeeee  i pm si sono ricordati di me era oraaa !”. Poi: “Sta per scoppiare la bombaaaaaa tic tac tic tac tic tac hahahhahaha so e ho visto cose che voi uomini non potete nemmeno immaginare !”. E infine durante la notte l’ultimo tweet: “k bello avrò una giornata intera dedicata a me  dai pm chissà quante belle domande !!!!!!!!! e pensate un po’ alle bellissime risposte!”.

Ma non è tutto. Così Iris  tra un travestimento da infermiera con tanto di siringona di almeno mezzo metro e uno da cappuccetto rosso in mezzo alla neve, continua con messaggi da teenager: “La verità è l’arma più letale al mondo. L’omertà non mi appartiene. Qualcuno presto avrà un problema”. E quel qualcuno è Silvio Berlusconi.  

La Berardi, minorenne all’epoca dei bunga bunga, ha sempre negato di avere rapporti sessuali con l’ex premier però ora lascia intendere che potrebbero esserci novità: “I tuoi soldi comprano voti e persone ma io ti sfido senza paura”. Anche se subito dopo la paura di rimanere senza più emolumenti mensili la fa quasi ricredere: “Ma se il genio del male scappa, chi sgancia?”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Si-Cobas, a fianco dei lavoratori sotto le cariche della polizia

next
Articolo Successivo

Sciopero facchini, cariche della polizia: un ferito e via Emilia bloccata (video e foto)

next