Eletti i quattro vicepresidenti di Senato e Camera, che coadiuveranno Pietro Grasso e Laura Boldrini nella conduzione delle due Assemblee legislative, e i tre questori di Palazzo Madama e Montecitorio che costituiscono a tutti gli effetti i “consigli di amministrazione” dei due rami del Parlamento. La novità sta nell’elezione, grazie alla rinuncia degli altri partiti, di un deputato M5S a vicepresidente della Camera e di una senatrice tra i questori, il che implica una “costituzionalizzazione” del Movimento che si presenta come anti-sistema, che che ha comunque deciso di assumere dei ruoli istituzionali. Un pò come avvenne nel 1994 per la Lega.

Il Movimento guidato da Grillo non aveva i numeri per eleggere i propri uomini negli incarichi di Senato e Camera, e si è rifiutato di incontrare gli altri partiti, come pure prevedono i Regolamenti parlamentari, per concordare i nomi da votare. Nei giorni scorsi ha chiesto ad essi di “riconoscere” il ruolo di M5S. E così è stato. Il passo indietro degli altri partiti, Pd in testa, ha permesso al Movimento di entrare nella “stanza dei bottoni”. “Noi abbiamo avuto rispetto dei loro elettori – ha commentato Pier Luigi Bersani – loro non hanno avuto rispetto dei nostri. Punto”.

I nuovi vicepresidenti della Camera sono Maurizio Lupi del Pdl, Marina Sereni e Roberto Giachetti del Pd, e il 5 Stelle Luigi Di Maio. 27 anni, studente fuori corso di giurisprudenza. Insieme ai suoi tre colleghi, e a Boldrini, dovrà essere garante in aula di tutti i gruppi, compresi quelli degli odiati “partiti”. I questori della Camera saranno il Pd Paolo Fontanelli, Gregorio Fontana del Pdl, e l’ex magistrato Stefano D’Ambruoso, di Scelta Civica. Sel ha votato il candidato di 5 Stelle, Laura Castelli, nel tentativo di creare una premessa per una alleanza politica, negata però dal Movimento.

Un questore a 5 Stelle ci sarà invece al Senato, e sarà Laura Bottici, eletta con i voti del Pd. Si troverà non tanto a “fare le pulci”, come ha detto il M5S, ma a decidere le spese del “Palazzo” e della “casta”, entrando quindi a pieno titolo in queste due categorie invise. La sfida sarà riuscire a cambiarne le abitudini. Assieme a lei Lucio Malan (Pdl) e Antonio De Poli (Sc). I quattro vicepresidenti a Palazzo Madama saranno Maurizio Gasparri (Pdl), Valeria Fedeli (Pd), Roberto Calderoli (Lega) e Linda Lanzillotta (Scelta civica). La situazione ricorda quella del 1994, quando furono eletti 118 deputati e 59 senatori della Lega che tra cappi agitati in aula (Leoni, Orsenigo), minaccia di pallottole contro i magistrati (Umberto Bossi) e di secessione, la Lega appariva antisistema. La sua “costituzionalizzazione” avvenne proprio attraverso la nomina a questore della Camera di Maurizio Balocchi, anche quella fatta all’insegna della lotta agli sprechi, e di Marcello Staglieno alla vicepresidenza del Senato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consultazioni, Bersani: “No a un governo qualsiasi”. Napolitano: “Scelgo venerdì”

next
Articolo Successivo

Nuovo governo, Napolitano vuole convincere Bersani e il Pd alle larghe intese

next