E’ ripresa alle 17.04, dopo che i controlli della gendarmeria svizzera hanno dato esito negativo, la circolazione dei treni tra Italia e Svizzera attraverso il tunnel del Sempione. Era stata interrotta poco dopo le 13, in seguito ad una telefonata anonima che annunciava la presenza di una bomba su un treno di servizio che in quel momento stava effettuando alcuni lavori di manutenzione nella galleria. La circolazione dei treni era stata sospesa sia dal versante svizzero che da quello italiano.

All’entrata del tunnel dal versante italiano ci sono stati carabinieri e guardia di finanza  per monitorare la situazione. L’allarme bomba riguardava esclusivamente il versante svizzero. La circolazione ferroviaria internazionale era stata quindi interrotta su entrambi i versanti, tra Iselle e Domodossola. Trenitalia ha attivato un servizio sostitutivo attraverso dei bus navetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, residenti vs negozio di kebab: “No ‘Kabul’ in insegna, ricorda terrorismo”

next
Articolo Successivo

Napoli, chi ha bruciato la Città della Scienza?

next