Retrospettiva Hugo ChavezC’è la foto della mano del leader morente con scritta a penna la verità: “Sono Maduro e Cabello a tenermi ostaggio per salire al potere senza dover tornare alle urne”. Ci sono le vignette con le sedute spiritiche dei fedelissimi del caudillo che invocano il suo spirito; le foto delle folle riunite in preghiera con i fumetti dei loro veri pensieri, tutt’altro che lusinghieri per il presidente agonizzante. 

E’ una fine triste e ferocemente satirica quella che Hugo Chavez – al potere in Venezuela dal 1999 – ha affrontato dal letto di ospedale nel quale sarebbe stato ricoverato dopo il suo ennesimo viaggio miracolistico a Cuba per la cura del cancro ai polmoni. Si racconta che anche la santeria, i riti del vudù caraibico, siano stati tentati per guarire il leader della rivoluzione bolivariana che con il -suo stile dittatorial-caritatevole ha tenuto il paese – uno dei maggiori produttori mondiali di petrolio – con il pugno di ferro e ha litigato di volta in volta con praticamente tutti i capi di Stato e di governo latino-americani e con gli yanqui, gli imperialisti nordamericani, divenendo protagonista di un portentoso portfolio di immagini con i peggiori leader della terra, da Gheddafi a Ahmadinejad.

Negli ultimi giorni solo la cortina fumogena del regime lo dava ancora vivo e vegeto, capace di guidare il paese dal letto di ospedale. E ora appare evidente che l’immagine dell’infaticabile oratore (secondo solo all’amico Fìdel Castro) è svanita ancor prima del suo corpo mortale. Chi di comunicazione ha ferito di comunicazione è perito, con la moltiplicazione esponenziale delle parodie sulla Rete, quella stessa Rete che Chavez – e il suo entourage, Maduro, il vice, e l’altro fedelissimo Cabello – hanno usato per creare e conservare il mito dello stakanovista della malattia che solo 3 giorni fa veniva annunciato aver iniziato un nuovo ciclo di chemioterapia, eppur capace
di esser sempre vigile, mentre nelle piazze della cattolica Venezuela le masse si riunivano in preghiera, non è ben chiaro per esaudire quale desiderio.

Adesso nelle strade è sceso anche l’esercito. Chissà cosa accadrà dopo le lacrime.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chavez, la strada che porta alla successione. Elezioni entro 30 giorni

prev
Articolo Successivo

Praga, Klaus e l’amnistia per i corrotti ai tempi del suo governo. “Alto tradimento”

next