Dopo che era stata sospesa sabato 2 marzo la fornitura di gas dalla Libia, l’impianto ha ripreso ora l’attività. Eni aveva infatti ha deciso di bloccare la produzione e l’esportazione di gas verso l’impianto siciliano di Gela, attraverso il gasdotto Green Stream, per ragioni di sicurezza, in seguito a scontri a fuoco fra milizie locali nell’area dell’impianto della Mellitah Oil & Gas, joint venture paritetica fra Noc ed Eni, nel nord-ovest del Paese. “Le esportazioni di gas sono state completamente bloccate” aveva detto Mustafa Sunalla, vice presidente della National Oil Corporation (Noc).

Ora, invece, l’annuncio del sottosegratrio alla Difesa libico Khaled al Sherif, che ha riferito che le due milizie si sono ritirate, dopo il raggiungimento di un accordo per il cessate il fuoco. Al Dherif ha anche assicurato che il traffico sulla strada costiera che collega la Libia alla Tunisia è tornato alla normalità. A controllare l’impianto provvedono ora unità dell’esercito. “Le milizie – ha dichiarato il ministro libico – si sono ritirate e l’esercito garantirà la sicurezza dell’impianto e dei lavoratori. Nell’incontro tra le truppe armate, i responsabili del governo e le forze militari del ministero della Difesa, è stato deciso – scrive l’agenzia di Stato – “un immediato cessate il fuoco e il ritiro delle brigate dalla zona, il rilascio dei prigionieri di entrambe le parti, e la formazione di una commissione per l’attuazione dell’accordo tra le parti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Sniffate cocaina per quattro mesi”: il King’s College di Londra cerca cavie

prev
Articolo Successivo

Regina Elisabetta ricoverata in ospedale. Salta la visita a Roma

next