Dopo che era stata sospesa sabato 2 marzo la fornitura di gas dalla Libia, l’impianto ha ripreso ora l’attività. Eni aveva infatti ha deciso di bloccare la produzione e l’esportazione di gas verso l’impianto siciliano di Gela, attraverso il gasdotto Green Stream, per ragioni di sicurezza, in seguito a scontri a fuoco fra milizie locali nell’area dell’impianto della Mellitah Oil & Gas, joint venture paritetica fra Noc ed Eni, nel nord-ovest del Paese. “Le esportazioni di gas sono state completamente bloccate” aveva detto Mustafa Sunalla, vice presidente della National Oil Corporation (Noc).

Ora, invece, l’annuncio del sottosegratrio alla Difesa libico Khaled al Sherif, che ha riferito che le due milizie si sono ritirate, dopo il raggiungimento di un accordo per il cessate il fuoco. Al Dherif ha anche assicurato che il traffico sulla strada costiera che collega la Libia alla Tunisia è tornato alla normalità. A controllare l’impianto provvedono ora unità dell’esercito. “Le milizie – ha dichiarato il ministro libico – si sono ritirate e l’esercito garantirà la sicurezza dell’impianto e dei lavoratori. Nell’incontro tra le truppe armate, i responsabili del governo e le forze militari del ministero della Difesa, è stato deciso – scrive l’agenzia di Stato – “un immediato cessate il fuoco e il ritiro delle brigate dalla zona, il rilascio dei prigionieri di entrambe le parti, e la formazione di una commissione per l’attuazione dell’accordo tra le parti”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

“Sniffate cocaina per quattro mesi”: il King’s College di Londra cerca cavie

next
Articolo Successivo

Regina Elisabetta ricoverata in ospedale. Salta la visita a Roma

next