Cambiare la legge elettorale e tornare al voto. Silvio Berlusconi non ha dubbi e, incassato il niet del Partito democratico all’ipotesi di governissimo, ha tracciato la strada che vuole percorrere il Pdl ai microfoni di SkyTg24. “Io non sarei così ostile a una continuazione della campagna elettorale e andando, dopo aver cambiato la legge elettorale, immediatamente a nuove elezioni” ha detto il Cavaliere, che poi ha motivato la sua presa di posizione basandola sui pericoli che sta correndo il Paese a causa della ingovernabilità. “L’Italia rischia molto perché tutti guardano a noi con molta preoccupazione – ha detto l’ex premier –  Se noi non daremo segni di essere capaci di governarci e di attuare le riforme necessarie, io credo che avremo delle situazioni molto difficili con cui scontrarci”. Non solo. A sentire Berlusconi, “acquisendo la consapevolezza dei cittadini su quale è veramente la situazione dell’Italia, si potrebbe finalmente sperare di avere un popolo italiano che impari a votare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Renzi: “Non pugnalo Bersani alle spalle. Grillo? Non va rincorso, ma sfidato”

next
Articolo Successivo

Grillo sotto scacco come fu Bertinotti

next