Cambiare la legge elettorale e tornare al voto. Silvio Berlusconi non ha dubbi e, incassato il niet del Partito democratico all’ipotesi di governissimo, ha tracciato la strada che vuole percorrere il Pdl ai microfoni di SkyTg24. “Io non sarei così ostile a una continuazione della campagna elettorale e andando, dopo aver cambiato la legge elettorale, immediatamente a nuove elezioni” ha detto il Cavaliere, che poi ha motivato la sua presa di posizione basandola sui pericoli che sta correndo il Paese a causa della ingovernabilità. “L’Italia rischia molto perché tutti guardano a noi con molta preoccupazione – ha detto l’ex premier –  Se noi non daremo segni di essere capaci di governarci e di attuare le riforme necessarie, io credo che avremo delle situazioni molto difficili con cui scontrarci”. Non solo. A sentire Berlusconi, “acquisendo la consapevolezza dei cittadini su quale è veramente la situazione dell’Italia, si potrebbe finalmente sperare di avere un popolo italiano che impari a votare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi: “Non pugnalo Bersani alle spalle. Grillo? Non va rincorso, ma sfidato”

prev
Articolo Successivo

Grillo sotto scacco come fu Bertinotti

next