A Varese, città di Roberto Maroni, la Lega Nord esulta per l’ingovernabilità del Paese. La sera dello spoglio delle schede di Camera e Senato, nella sede della sezione provinciale del Carroccio un gruppo ristretto di dirigenti ha seguito passo dopo passo l’esito del voto, azzardando pronostici sull’esito delle regionali (la madre di tutte le battaglie, ndr), leggendo e rileggendo i dati provincia per provincia, per cercare di scorgervi qualcosa di positivo. Il tracollo in Veneto, il forte calo in Lombardia e la débâcle in Piemonte non sembrano spaventare i leghisti, che si sono detti convinti di contare ancora parecchio. Ma sono lontani i tempi in cui erano primo partito in molte città del nord della Lombardia di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cicchitto e Capezzone VS Berlinguer: “Stavate stappando lo champagne per il Pd”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, Padellaro: “Boom M5s? I ‘saggi’ giornalisti dovrebbero nascondersi”

next