La denuncia parte da Alessandro Di Nicola candidato consigliere alla Regione Lazio per il Movimento 5 stelle: “Il presidente di un seggio ad Anzio, in località Sacida, avrebbe sottratto due schede verdi (per le regionali) e, dopo essere stata scoperta, le avrebbe distrutte”. Il funzionario ribatte: “Le schede erano deteriorate e le ho tolte per non confonderle con le altre”. Il consigliere del M5s ha caricato la denuncia con un video sul proprio canale youtube

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, i cittadini di Scampia alle urne: “La priorità per noi resta il lavoro”

next
Articolo Successivo

De Magistris, sindaco d’amore e di anarchia

next