Ammonta a 102,8 miliardi di euro il valore dei titoli di Stato italiani in carico alla Bce, una somma che è quasi la metà del totale dei bond sovrani acquistati in questi anni dall’Eurotower nel quadro del Securities Market Programme avviato sotto la presidenza Trichet.

I dati diffusi oggi dalla Banca Centrale Europea mostrano come il totale ammonti a 218 miliardi di titoli di Stato: a parte quelli italiani, l’Eurotower ha in pancia bond spagnoli per 44,3 miliardi, greci per 33,9 miliardi, portoghesi per 22,8 miliardi, e irlandesi per 14,2 miliardi. Quanto alla maturità media dei bond acquistati dalla Bce, i più lunghi sono quelli irlandesi (4,6 anni di vita residua), seguiti da quelli italiani (4,5 anni).

La Banca centrale europea ha chiuso il 2012 con un utile netto di 998 milioni di euro, in rialzo dai 728 milioni del 2011. Il surplus è stato di 2,164 miliardi (1,894 nel 2011), di cui 1,166 miliardi messi a riserva a copertura dei rischi. I margini netti realizzati dalla Bce sugli interessiraggiungono i 2,289 miliardi (1,999 miliardi nel 2011), di cui 1,108 miliardi dai titoli di Grecia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Italia acquistati attraverso il programma Omt. Dell’utile 2012 sono già stati girati 575 milioni alle banche centrali nazionali dell’Eurozona: i restanti 423 milioni saranno distribuiti il 25 febbraio.

Dallo stesso bilancio emerge che il presidente della Bce, Mario Draghi, stacca di oltre 200mila dollari il suo omologo alla Federal Reserve americana, Ben Bernanke, sul fronte stipendio. Secondo il bilancio annuale della Bce, nel 2012 lo stipendio base del numero uno dell’Eurotower è stato di 374.124 euro, pari a 493.694 dollari, mentre quello di Bernanke, secondo i dati di Bloomberg, è stato di 199.700 dollari. A Draghi va anche meglio del governatore della Banca d’Inghilterra, Mervin King, che nel 2012 ha avuto uno stipendio di 465.869 dollari. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, Pmi: l’attività economica dell’Eurozona scende ancora a febbraio

next
Articolo Successivo

Grecia: “Se l’Europa avesse agito con rapidità sarebbero bastati 50-70 miliardi”

next