Seconda serata del Festival di Sanremo 2013, segnata dal lutto che ha colpito i Ricchi e Poveri che quindi non saranno presenti in veste di ospiti come era invece in programma. Prevista l’esibizione degli altri 7 cantanti della sezione big, che presenteranno due brani ciascuno. Come nella prima serata, a decidere quale brano rimarrà in gara sarà il pubblico da casa attraverso il televoto e la giuria della sala stampa.

Questo l’ordine di esibizione dei big in scaletta:

    Modà – “Come l’acqua dentro il mare” e “Se si potesse non morire”
    Malika Ayane – “Niente” e “E se poi”
    Simone Cristicchi – “Mi manchi” e “La prima volta”
    Almamegretta – “Mamma non sa” e “Onda che va”
    Max Gazzè – “Sotto casa” e “I tuoi maledettissimi impegni”
    Annalisa Scarrone – “Non so ballare” e “Scintille”
    Elio e le Storie Tese – “Dannati for ever” e “La canzone monotona”

A seguire, le esibizioni di 4 degli 8 artisti della sezione giovani: Blastema, Il Cile, Irene Ghiotto e Renzo Rubino. Anche in questo caso il sistema di votazione è misto: televoto e giuria della stampa. Le due canzoni più votate, passeranno il turno per contendersi la vittoria finale.

Tra gli ospiti, Beppe Fiorello, Carla Bruni (in duetto con Luciana Littizzetto), la top model israeliana Bar Refaeli e il giovane cantautore israeliano Asaf Avidan. I testimonial dei big, invece, saranno Max Biaggi ed Eleonora Pedron con i Modà, Neri Marcorè con Malika Ayane, Jessica Rossi con Simone Cristicchi, Filippa Lagerback con Alamamegretta, la nazionale femminile di fioretto con Max Gazzè, Carlo Cracco con Annalisa Scarrone, Roberto Giacobbo con Elio e Le Storie Tese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2013, morto il figlio di Gatti dei Ricchi e Poveri

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2013: programma e scaletta della terza serata

next