La procura di Roma ha aperto un fascicolo, anche se senza ipotesi di reato e senza indagati. E’ intestato “atti relativi a” ed è stato aperto dopo l’esposto dei Radicali che accusano Nicola Zingaretti di “aver fatto pesare i suoi contributi previdenziali sulla Provincia di Roma”.

Il fascicolo è stato affidato dal responsabile del pool pubblica amministrazione, il procuratore aggiunto Francesco Caporale, al sostituto Corrado Fasanelli e gli accertamenti sono stati affidati alla Guardia di Finanza. Nell’esposto presentato in procura da Marco Pannella si punta l’indice su “un’assunzione sospetta di Zingaretti, da parte del Comitato provvisorio Pd Lazio, avvenuta il giorno prima della sua candidatura a presidente della Provincia di Roma”. Il sospetto paventato dai Radicali è quello di un meccanismo truffaldino messo in atto per ottenere dalla Provincia il rimborso per il mancato guadagno degli stipendi scaturiti proprio dall’elezione a presidente. Una ricostruzione respinta da Zingaretti il quale, nel preannunciare una querela per calunnia, sostiene che “non c’è nulla di anormale né di illegale” e che “la questione è già stata chiarita nel 2009”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amianto, rinviato a giudizio ex presidente Enel per omicidio colposo

prev
Articolo Successivo

Il ‘condannato’ Fitto contro la giustizia: “E’ il benvenuto dei pm baresi a Berlusconi”

next