Paul Gascoigne è stato ricoverato in terapia intensiva in Arizona, negli Stati Uniti, per una crisi cardiocircolatoria che lo ha colpito mentre stava per iniziare una cura di disintossicazione dall’alcol. A lanciare l’allarme, con un titolo in prima pagina, è il tabloid britannico Sun che cita una fonte vicina all’ex star del calcio. Gascoigne, tuttavia, non è in fin di vita. I medici che lo stanno curando negli Stati Uniti escludono infatti che l’ex giocatore inglese stia così male da “rischiare di morire”.

Lo psicoterapista John McKeown, che ha ‘lavorato’ con Gascoigne per oltre 10 anni, ha confermato che è stato “trasferito dalla clinica Cottonwood e  ricoverato in terapia intensiva”, in un ospedale Arizona per “gravi complicazioni” dopo aver iniziato una cura di disintossicazione dall’alcol. “Ma questo non è inusuale per chi ha una passato da alcolista come il suo. Sta ancora ricevendo le cure in ospedale ma mi hanno rassicurato che è quasi in grado di camminare. Non ci sono rischi per la sua vita”, ha ribadito McKeown.

L’ex fantasista del Tottenham, della Lazio e della nazionale inglese, che soffre di depressione da diversi anni, è riuscito ad andare negli Stati Uniti grazie alla colletta di un gruppo di amici, tra cui l’ex compagno di nazionale Gary Lineker e il presentatore tv della Cnn Piers Morgan, che avevano raccolto 25.000 sterline. Un aiuto nato spontaneamente dopo che il Sun aveva pubblicato un video-shock dove Gascoigne appariva in pessime condizioni di salute, nuovamente schiavo della bottiglia. L’ex centrocampista era stato fotografato con una pinta di birra anche al suo arrivo in Arizona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Doping, Cipollini e l’ombra dell’epo: “Il suo nome nelle carte del dottor Fuentes”

prev
Articolo Successivo

Mario Cipollini, la procura antidoping apre un fascicolo

next