Il 2 febbraio l’atterraggio di emergenza sulla pista di Fiumicino. Ma non è la prima volta che la compagnia romena Carpatair, partner dell’Alitalia, si trova al centro di polemiche per una serie di incidenti, ad esempio, un difetto di pressurizzazione sul volo Ancona-Roma del 17 gennaio scorso, aveva indotto l’Alitalia a subentrare con propri aerei sui voli dal capoluogo marchigiano.

Il guasto del 17 gennaio aveva costretto l’Atr 72 con 56 passeggeri a bordo a rientrare dopo il decollo all’aeroporto di Ancona Falconara. L’ennesimo disservizio, il quindicesimo nell’arco di un mese e mezzo, aveva indotto l’Alitalia ad annunciare che avrebbe svolto direttamente il servizio dalla città delle Marche. Fra l’altro, già il 4 gennaio un aereo era stato costretto a rientrare su Ancona per una avaria alla pressurizzazione.

Preoccupazione era stata espressa più volte da organizzazioni sindacali dei piloti. Il 5 gennaio la Uil trasporti sollecitava le “opportune verifiche” sulla affidabilità della compagnia romena, attiva con voli su Pisa ed Ancona. E l’Anpac protestava perché “chi acquista un biglietto Alitalia si troverà imbarcato su un aeromobile solo apparentemente appartenente all’ex compagnia di bandiera, ma in realtà operato direttamente dalla Carpatair, con piloti e assistenti di volo scelti e addestrati in Romania”.

Contro la politica dell’Alitalia per “la cessione parziale di attività di volo ad operatori terzi” hanno scioperato il 25 gennaio scorso i piloti e gli assistenti di volo aderenti a Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiumicino, volo Alitalia appaltato ai rumeni atterra fuori pista: 16 feriti

next
Articolo Successivo

Brucia una cascina nel Lodigiano, sterminata una famiglia: quattro morti

next